Il Decreto Legge 9 Febbraio 2012 n.5 “Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e sviluppo” stava attirando l’attenzione della stampa, degli esponenti sindacali e delle associazioni, che avevano segnalato il rischio di involuzione e dell’approssimazione dei controlli sulla sicurezza, sulla salute e sul rispetto dell’ambiente al quale si sarebbe potuto andare incontro.

La prima "bozza" del Decreto Legge conteneva alcuni principi di difficile interpretazione poichè si parlava di "collaborazione amichevole con i soggetti controllati al fine di prevenire rischi e situazioni di irregolarità" e la conseguente "soggettiva decodificazione" del criterio aveva immediatamente evocato lo spettro consistente in soluzioni "amichevoli", ovvero dei controlli concordati a tavolino e con preavviso.

Una ulteriore polemica era stata sollevata dalla possibilità di una "soppressione o riduzione dei controlli sulle imprese in possesso della certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità(UNI EN ISO-9001), o altra appropriata certificazione emessa, normativa che non ha niente in comune con i controlli in materia di salute, ambiente e sicurezza sul lavoro.

Il rischio effettivo del depontenziamento dei controlli e della cancellazione del ruolo di controllo degli Organi di vigilanza della Pubblica Amministrazione, avrebbe potuto rendere vano quanto fatto in materia di sicurezza negli ultimi anni grazie al D.Lgs 81/08.

Per questo motivo l'Onorevole Antonio Boccuzzi, ha presentato presso le Commissioni Riunite della Camera (Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni e attività produttive, commercio e turismo), un emendamento per modificare l'art.14 del Decreto Legge 05/2012.                                                        

La variazione apportata è la seguente:

-"Al comma 4, lettera f), sostituire le parole da: soppressione o riduzione fino a (UNI EN ISO-9001) con le seguenti: razionalizzazione, anche mediante riduzione o eliminazione di ocntrolli sulle imprese, tenendo conto del possesso di certificazione del sistema di gestione per la qualità ISO".

-"Al comma 6, sostituire le parole: in materia fiscale e finanziaria con le seguenti: in materia fiscale, finanziaria e di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro."

Dopo le modifiche apportate tramite gli emendamenti, restiamo in attesa della valutazione da parte del Parlamento per poter successivamente argomentare in maniera dettagliata e definitiva il presente provvedimento, al fine di far luce in merito alla delicata questione relativa ai controlli in materia di salute, sicurezza e ambiente per le imprese.

 

INFORMAZIONI
Tel/Fax - 011-95.41.201
E-m@il - 
 commerciale@ecosafe.it

EcoSafe Archivio News

logo trasparenza sfondo

 

Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201 Fax +39 0110133199

P.IVA/C.F.
08929640012
CAPITALE SOCIALE
€ 10.000,00 i.v.
R.E.A.
TO - 1011614 PRESSO LA C.C.I.A.A. DI TORINO
REGISTRO IMPRESE DI TORINO N.
08929640012
PEC
info@pec.ecosafegroup.it

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.

Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy