spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

Il 31 maggio scade la proroga della validità dell’autocertificazione di valutazione dei rischi, come indicato dal Ministero del Lavoro nella nota ufficiale del 31 gennaio 2013. Dal 1° giugno, perciò, tutte le aziende, indipendentemente dal numero di lavoratori occupati, non potranno più autocertificare l’avvenuta valutazione dei rischi, ma dovranno essere in possesso del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).

Come definito dall’art. 2 comma 1 lettera A del D.Lgs 81/2008, si ricorda l'obbligatorietà di nominare le figure previste (RSPP, RLS, addetto primo soccorso, addetto antincendio, eventuale medico competente), di effettuare la formazione di legge per le figure aziendali e l’eventuale sorveglianza sanitaria, nonchè gli adeguamenti eventualmente necessari nei luoghi di lavoro, ecc. Ricordiamo che, con l’entrata in vigore del D.Lgs 81, già dal 2008, sono considerati lavoratori anche i soci, i lavoratori a progetto, i lavoratori stagionali, gli stagisti, i coadiuvanti, o coloro i quali effettuano formazione anche a titolo di apprendistato o gratuito presso la sede dell’azienda.

Le conseguenze per chi non si adegua  possono essere anche molto pesanti: infatti, l’omessa (o incompleta) valutazione dei rischi comporta per il Datore di Lavoro sanzioni penali (è previsto l’arresto da 3 a 8 mesi) o amministrative (ammenda che varia da 1.000 a 6.400 euro). Il nuovo adempimento è obbligatorio per chiunque abbia almeno un dipendente e si applica anche nei confronti dei collaboratori e dei liberi professionisti.

Il DVR dovrà essere elaborato dal datore di lavoro in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione, insieme al medico competente (ove previsto) e previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

Per chi non si fosse ancora adeguato a questa scadenza, ne ripercorriamo brevemente le tappe. Secondo il D.Lgs 81/2008, l’autocertificazione – permessa in sostituzione del documento di valutazione dei rischi per le attività con un massimo di 10 lavoratori – avrebbe dovuto decadere in data 30 giugno 2013. Il 31 gennaio scorso il Ministero del Lavoro, sollecitato dalle richieste di chiarimento interpretativo pervenute da più parti, e in ragione della confusione generata dal sovrapporsi delle diverse date e scadenze, è intervenuto con la nota ministeriale n. 2583. Nel documento si fornisce un’interpretazione che di fatto “accorcia” di un mese la validità dell’autocertificazione, obbligando pertanto i datori di lavoro (quindi anche coloro che occupano meno di 10 lavoratori) ad elaborare il DVR non più entro il 30 giugno 2013, ma entro il 31 maggio 2013, che rappresenta dunque l’ultimo giorno di validità dell’autocertificazione.

 

INFORMAZIONI

Tel/Fax :: 011.95.41.201
e-mail   :: commerciale@ecosafe.it

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy