spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

L’INPS, con messaggio n. 19183 del 26 novembre 2013, ha chiarito che tutti i corsi di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro (con la sola eccezione di quelli da erogare alla costituzione del rapporto di lavoro) rientrano nell’ambito dei corsi a cui possono essere avviati i lavoratori sospesi dall’attività lavorativa e sono quindi obbligatori a pena di decadenza dal trattamento di sostegno al reddito in percezione; pertanto, la loro frequenza è pienamente compatibile con il trattamento di integrazione salariale.

La questione riprende quanto già comunicato dal Ministero del Lavoro con l’interpello n. 16/2013 del 22 maggio 2013, che ha chiarito che nell’ambito dei corsi di formazione/riqualificazione erogabili ai lavoratori sospesi dal lavoro e percettori di una prestazione di sostegno del reddito possono rientrare anche quelli in materia di salute e sicurezza sul lavoro, in deroga al principio di carattere generale secondo il quale tali corsi vanno svolti durante l’orario di lavoro.
Fanno eccezione i corsi di formazione “iniziale” di cui all’art. 37, comma 4, lettera a), del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni, cioè quelli che devono essere erogati ai lavoratori neoassunti, prima della costituzione del rapporto di lavoro o contestualmente alla stessa.

Nonostante le precisazioni contenute nel citato interpello, alcune Sedi INPS non hanno riconosciuto la legittimità di una formazione in materia di salute e sicurezza al di fuori dell’orario di lavoro e hanno negato la concessione del trattamento a sostegno del reddito, generando così notevoli difficoltà alle aziende. La Confindustria è perciò intervenuta presso la Direzione Generale dell’INPS, sollecitando una posizione dell’Istituto coerente con la linea interpretativa seguita dal Ministero.

Ad esito di tale intervento, la predetta Direzione Generale, con l’allegato messaggio n. 19183 del 26 novembre 2013, ha affermato, fra l’altro, che la ricostruzione interpretativa ministeriale consente di qualificare tutti i corsi di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro (con eccezione di quelli afferenti alla costituzione del rapporto di lavoro) come corsi di formazione a norma dell’art. 4, comma 40, della Legge n. 92/2012.
Tali corsi sono quindi obbligatori a pena di decadenza dal trattamento di sostegno al reddito in percezione e, pertanto, la loro frequenza è pienamente compatibile con il trattamento di integrazione salariale.
Ne consegue che le Sedi INPS non potranno più legittimamente rifiutare i trattamenti laddove il lavoratore sia chiamato a svolgere la formazione in materia di salute e sicurezza nei periodi di sospensione dal lavoro per effetto del ricorso agli strumenti di sostegno al reddito.

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy