spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

La Corte di Cassazione, a seguito del ricorso presentato da un Datore di lavoro relativamente a un provvedimento di contravvenzione adottato da un ispettore del lavoro che aveva richiesto l’esibizione di alcune documentazioni necessarie per i suoi accertamenti, ha avuto modo di precisare, con la sentenza n. 42334 del 15 ottobre 2013, che il reato per non avere fornito all’ispettore del lavoro notizie legalmente richieste dallo stesso, e di cui all’art. 4 della legge n. 628/1961, si configura anche nel caso in cui il datore di lavoro non esibisca la documentazione necessaria per l’effettuazione degli accertamenti ispettivi.

La contravvenzione ed il ricorso in Cassazione.
La Corte d'Appello, sostituendo la pena dell'arresto con l'ammenda e revocando la sospensione condizionale della pena,  ha confermato la sentenza di condanna emessa dal Tribunale nei confronti di un Datore di lavoro, per la quale lo stesso era stato condannato per il reato di cui all'art. 4 della legge n. 628 del 1961 per non avere fornito all'Ispettorato del Lavoro, nella sua qualità di presidente di una cooperativa e benché sollecitato, la documentazione relativa al rapporto di lavoro dei dipendenti.

L'imputato ha proposto ricorso per cassazione rilevando la carenza di motivazione e l'erronea applicazione della norma incriminatrice. Ad avviso della difesa dello stesso, la norma in questione non sanziona qualsiasi inottemperanza del Datore di lavoro a prescrizioni o richieste dell'Ispettorato del Lavoro, ma soltanto le condotte di coloro che, legalmente richiesti, non forniscano le notizie richieste o le forniscano scientemente errate o incomplete, per cui da tale fattispecie deve ritenersi esclusa l'omessa esibizione della documentazione eventualmente richiesta dall'ispettore dei lavoro, le cui facoltà di richiedere tale documentazione e di adottare le sanzioni per il relativo rifiuto sono collegate esclusivamente alle indagini di polizia amministrativa previste dall'art. 8 del D.P.R. n. 520 del 1955, senza possibilità di estensione alle generali attività di vigilanza affidate agli ispettori del lavoro dall'art. 4 della legge n. 628 dei 1961.

Le decisioni della suprema Corte.
Il ricorso è stato ritenuto dalla Corte di Cassazione inammissibile, perché basato su un motivo manifestamente infondato. L'art. 4, ultimo comma, della legge n. 628 del 1961, ha infatti sostenuto la suprema Corte, punisce «(…) coloro che, legalmente richiesti dall'Ispettorato di fornire notizie a norma del presente articolo, non le forniscano o le diano scientemente errate od incomplete».
Si tratta, secondo quanto chiarito dalla giurisprudenza della stessa Corte di Cassazione, delle richieste di notizie concernenti violazioni delle leggi sui rapporti di lavoro, sulle assicurazioni sociali, sulla prevenzione e l'igiene del lavoro, che assumono valore strumentale rispetto alla funzione istituzionale di controllo esercitata dall'Ispettorato del Lavoro. La stessa Corte di Cassazione ha più volte specificato “(…) che il reato in questione si configura, non soltanto nel caso di richiesta di semplici notizie, ma anche nell'ipotesi di omessaesibizione della documentazione che consenta all'Ispettorato del lavoro la vigilanza sull'osservanza delle disposizioni in materia di lavoro, previdenza sociale e contratti collettivi di categoria, ivi compresa quella sulle assunzioni, necessaria per verificare l'adempimento dei conseguenti obblighi contributivi”.
A ciò deve aggiungersi che la richiesta all'interessato di documenti relativi ai rapporti di lavoro non attiene alle sole indagini di polizia amministrativa di cui all'art. 8 del D.P.R. n. 520 del 1955.

I princìpi sopra indicati, ha concluso la Corte di Cassazione, sono stati quindi correttamente applicati dalla Corte d'appello in quanto la stessa ha preso le mosse dai risultati dell'istruttoria, da cui è emerso che la documentazione richiesta all'imputato era quella necessaria per l'espletamento dei compiti istituzionali dell'Ispettorato definiti dal richiamato art. 4 della legge n. 628 del 1961 e, in particolare, per la verifica della sussistenza di irregolarità nelle assunzioni dei dipendenti.

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy