spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

L’esposizione ai campi elettromagnetici prodotti dai sempre più diffusi sistemi Wi-Fi è una di quelle tematiche relative alla sicurezza, lavorativa e non, che sono più delicate non solamente per le opinioni non sempre convergenti, ma soprattutto per l’evoluzione continua della tecnologia.

In riferimento alle valutazioni degli aspetti di impatto ambientale delle reti Wi-Fi, vogliamo concentrarci su una ricerca del 2008, che ha presentato simulazioni e misure dei livelli di esposizione prodotti dalle reti Wi-fi con relazione ad uno scenario costituito dall’URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) del  Comune di Bologna, dove è offerto ai cittadini un servizio di accesso Wi-Fi che interessa sia l’interno dell’URP che l’area antistante (Piazza Maggiore).

La ricerca, prodotta dall’ Agenzia regionale per la prevenzione e l´ambiente dell´Emilia-Romagna, si intitola “Misura dell’esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi”. In particolare, il Wi-Fi (abbreviazione di Wireless Fidelity) è il nome commerciale delle reti locali senza fili (WLAN) basate sulle specifiche dello standard IEEE 802.11.

Il documento riporta che le reti Wi-Fi “(…) sono infrastrutture relativamente economiche e di veloce attivazione e permettono di realizzare sistemi flessibili per la trasmissione di dati usando frequenze radio, estendendo o collegando reti esistenti oppure creandone di nuove. Proprio per la loro versatilità queste tipologie di reti vengono sempre più di sovente utilizzate per lo scambio di dati in strutture aziendali, oppure per creare veri e propri punti di accesso ad internet in locali scolastici, biblioteche, università o aeroporti”.

L’obiettivo della ricerca è  di valutare gli aspetti di impatto ambientale delle reti Wi-Fi attraverso simulazioni e misure dei livelli di esposizione prodotti nello scenario costituito dall’URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) del Comune di Bologna.

Le misure sono state effettuate il 17 giugno 2008 con misuratore a larga banda avente le caratteristiche tecniche riportate nel documento e in conformità a quanto prescritto nelle Norme CEI 211-7. Durante tutto il periodo di misura, erano presenti circa 20 utenti, tutti collegati in modo non continuativo ai due AP (Access Point).

Quali sono state le conclusioni?

Dalle valutazioni e dalle misure effettuate “(…) si può affermare che i livelli di campo elettrico emessi da impianti WI-FI risultano di modesta entità e dello stesso ordine di grandezza della sensibilità della strumentazione utilizzata per le misure. Valori più elevati, ma ben inferiori al valore di attenzione, possono essere rilevati in prossimità dell’antenna trasmittente e in condizioni di download continuato e comunque in zone non accessibili alla popolazione”.

In ogni caso, continua il documento, “(…) come evidenziato anche dalle stime dei volumi di rispetto, l’ubicazione stessa degli apparati assicura che il pubblico non possa accedere all’interno della regione a valori di campo superiori a 6 V/m”.

Ricordiamo che riguardo alla normativa nazionale vigente di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, l’ esposizione ai campi elettromagnetici è oggi disciplinata dal titolo VIII, capo IV del D.Lgs. 81/2008, le cui disposizioni entrano in vigore alla data fissata per il recepimento della direttiva 2004/40/CE (ex art. 306 d.lgs. 81/2008).

Tuttavia, il 29 giugno 2013 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea la direttiva 2013/35/UE del 26 giugno 2013 sulle disposizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (campi elettromagnetici). La direttiva, che abroga la precedente direttiva 2004/40/CE, deve essere recepita dagli stati membri entro il 1° luglio 2016 e stabilisce che i riferimenti alla direttiva abrogata si intendono fatti alla 2013/25/UE secondo specifiche tavole di concordanza.

L’entrata in vigore delle disposizioni del titolo VIII, capo IV del D.Lgs. 81/2008 è spostata dunque al 1° luglio 2016.

Per approfondire la ricerca: Agenzia regionale per la prevenzione e l´ambiente dell´Emilia-Romagna, Consorzio Elettra 2000, “Misura dell’esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi”.

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy