spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

Con riferimento al severo quadro sanzionatorio per l’inadempienza agli obblighi del Regolamento Reach (regolamento n. 1907/2006) - Regolamento di registrazione, valutazione e autorizzazione delle sostanze chimiche – vorremmo qui approfondire il sistema di controlli e relative sanzioni in caso di inadempienze.

Partiamo sottolineando l’evoluzione normativa e ricordando che i regolamenti dell’Unione Europea entrano in vigore direttamente in tutti gli Stati Membri . In particolare, in Italia l’applicazione delle norme in oggetto è demandata:

  • all’Autorità competente nazionale, il Ministero della Salute - Direzione generale della prevenzione sanitaria;
  • all’Autorità competenti locali: quelle che le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano hanno individuato.

E il sistema dei controlli è costituito da amministrazioni ed enti:

  • dello Stato;
  • delle Regioni e Province Autonome.
  • Amministrazioni ed Enti dello Stato: gli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera «USMAF»; l'Agenzia delle dogane; i Nuclei antisofisticazioni e sanità dell'Arma dei Carabinieri(«NAS»); i Nuclei operativi ecologici dell'Arma dei Carabinieri («NOE»); l'istituto superiore prevenzione e sicurezza sul lavoro (ex ISPESL ora inserito nell’INAIL); il Corpo ispettivo di cui al decreto 27 gennaio 2006 del Ministro della Salute.
  • Enti regionali: Aziende U.L.S.S. ed A.R.P.A.

Il quadro sanzionatorio si presenta piuttosto severo, con sanzioni amministrative fino a 90.000 € per l'inadempienza alla maggior parte degli obblighi del regolamento. Inoltre:

  • la mancata registrazione è punita con una sanzione di almeno 15.000 €;
  • almeno 10.000 € di multa la mancata fornitura di scheda di sicurezza (dove prescritta);
  • almeno 3.000 € la mancata fornitura della scheda di sicurezza in lingua italiana.

Inoltre, il fabbricante, l'importatore o utilizzatore a valle che fabbrica, che immette sul mercato o utilizza una sostanza in quanto tale o in quanto componente di un preparato o di un articolo non conformemente alle condizioni di restrizioni previste dall'Allegato XVII del regolamento al di fuori dei casi di cui all'articolo 67 del regolamento, è punito con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda da 40.000 a 150.000 €.

Vediamo, in conclusione, come impatta il “sistema REACH“ su Dipartimenti di Prevenzione ed ARPA.

Tutte le istituzioni che, a vario livello e titolo, sono impegnate nella tutela della salute e dell’ambiente, dovranno programmare e rimodulare la loro attività sulla base dei nuovi principi ed orientamenti espressi dal Regolamento di cui trattasi e delle relative disposizioni applicative.

La tutela della salute deve essere assicurata in maniera estesa, sia laddove il rischio di esposizione alle sostanze chimiche sia riferito all’ambito professionale, sia nei casi in cui lo stesso riguardi il cittadino in quanto consumatore o quando lo stesso sia esposto agli inquinanti attraverso la contaminazione dell’ambiente. Ne deriva che per l’applicazione dei principi ed orientamenti di cui sopra, si dovrà perseguire il generale criterio, già altrove enunciato, di coinvolgimento di tutto il personale dei Dipartimenti di Prevenzione, secondo efficaci modalità di collaborazione tra Servizi, ancorché impegnati in differenziate aree di competenza sanitaria.

Dunque, sono necessari:

  • vigilanza specifica “Reach”;
  • vigilanza nelle materie di competenza, tenendo conto dei nuovi paradigmi: interdisciplinarietà; tutela estesa della salute nei confronti del rischio chimico; trasversalità del rischio di esposizione a sostanze chimiche, loro miscele e preparati; ‘continuum’ di esposizione ambiente di lavoro - ambiente esterno - consumo di prodotti contaminati;
  • capacità di utilizzare gli strumenti offerti dal sistema REACH nella valutazione del rischio ambientale e sanitario nelle azioni di tutela della popolazione e dell’ambiente.
Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy