spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

La disciplina vigente in materia di sicurezza è, come sappiamo, il risultato di una stratificazione di norme, molte delle quali di derivazione comunitaria.
Il D.Lgs. 81/2008, così come modificato dal D.Lgs 106/2009, persegue l’obiettivo di procedere al riassetto ed alla riforma delle disposizioni in materia di salute e sicurezza in tutti gli ambienti di lavoro.

La scuola è, indubbiamente, sia ambiente di lavoro per il personale che vi presta servizio e per gli studenti che quotidianamente la vivono, sia luogo ideale per promuovere e divulgare la cultura e la pratica della sicurezza.
Per questo motivo, abbiamo ritenuto opportuno fornire alcuni chiarimenti circa la figura del medico competente e la sua nomina, che  rappresenta a tutt’oggi uno dei punti controversi della normativa in esame.

Ad una attenta lettura, in particolare degli artt. 2, 18, 25, 28 e 29, parrebbe che il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. abbia affidato al medico competente una duplice funzione:

  • una di natura preventiva e collaborativa, sia con il Datore di lavoro sia con il servizio di prevenzione e protezione, consistente nello svolgimento dei compiti-obblighi di cui all’art. 25 (fra i quali quello di partecipare alla valutazione dei rischi);
  • una finalizzata alla gestione dell’eventuale sorveglianza sanitaria dei lavoratori, il cui obbligo emerga appunto a seguito della valutazione dei rischi (art. 18).

Giova rammentare, al riguardo, che l’art. 28, comma 2, alla lett. e), richiede esplicitamente al Datore di lavoro di indicare nel documento di valutazione dei rischi il nominativo del medico competente che ha partecipato alla valutazione stessa.

Sostenere che “(…) la maggioranza delle scuole non presenta lavoratori esposti a rischi tali da rendere necessaria la sorveglianza sanitaria”  (come si legge da più parti) appare come un’affermazione formulata al fine di giustificare a priori la decisione di non aver bisogno del medico competente.
Tale affermazione risulta però priva di senso ove si consideri che la presenza ed il parere del medico competente servono proprio a determinare se la scuola che si considera sia o meno compresa tra gli ambienti di lavoro ove la sorveglianza sanitaria è necessaria.

Da una lettura coordinata delle norme sopra elencate, sembra emergere con chiarezza il fatto che la procedura seguita, di norma, dai Datori di lavoro nella scuola (Dirigenti) per quanto riguarda l’eventuale nomina del medico competente, è cronologicamente scorretta.
In molti casi, infatti, il Dirigente provvede ad effettuare (talvolta autonomamente) una valutazione dei rischi presenti nel suo ambiente di lavoro di riferimento, per decidere poi se nominare o meno il medico competente.

Dal dettato normativo, invece, discende che è senz’altro opportuno interessare comunque preventivamente un medico competente, in possesso dei requisiti formativi e professionali di cui all’art. 38, affinché visiti i luoghi di lavoro (art. 25, comma 1, lett. l) e collabori con il Datore e con l’eventuale RSPP nella effettuazione della valutazione dei rischi presenti nell’istituzione scolastica.

Dopo di ciò, sarà lo stesso medico ad esprimere un parere qualificato circa la necessità o meno, così come espressamente indicato nell’art. 25 comma 1 lettera a), di nomina di un medico competente al quale affidare la sorveglianza sanitaria obbligatoria, che tra l’altro può essere anche affidata ad altro e diverso medico.

Indichiamo di seguito, a mero titolo esemplificativo, i fattori di rischio che più comunemente possono rilevarsi in ambito scolastico e sui quali si richiamare l’attenzione:

  • rischio chimico  (collaboratori scolastici, insegnanti impiegati in attività tecnico pratiche, assistenti di laboratorio, studenti)
  • rischio biologico (personale scolastico)
  • rischio movimentazione carichi (collaboratori scolastici, personale della scuola dell’infanzia e  insegnanti di sostegno)
  • rischio videoterminali (personale di segreteria, insegnanti e studenti nelle ore di laboratorio)
  • rischio rumore (insegnanti)
  • rischio stress lavoro-correlato (numerosissimi gli studi che attestano l’esposizione delle cosiddette helping profession a fenomeni di usura psicofisica)
  • rischio per le lavoratrici in stato di gravidanza

Ricordiamo anche che l’attività di insegnamento, ai sensi del documento rilasciato in argomento dalla Conferenza  Stato Regioni del 2006, rientra a pieno titolo tra le 14 attività lavorative per le quali, data la loro rischiosità, è fatto espresso divieto di assunzione e di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche.

Considerata poi la severità delle sanzioni previste per la mancata nomina del medico competente ove ciò sia necessario – sia penali che amministrative – non può che ritenersi superficiale l’affermazione che la maggioranza delle scuole non presenta lavoratori esposti a livelli di rischio di natura tale da rendere necessaria la sorveglianza sanitaria, e quindi la nomina del medico competente.

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy