Più volte abbiamo affrontato il tema della sicurezza nella scuola sottolineando come molti dei particolari rischi correlati a questo ambiente di lavoro e studio possano essere eliminati, o almeno ridotti, organizzando un efficace sistema di gestione della sicurezza e erogando  idonei percorsi formativi.

Questa volta vogliamo soffermarci sulla formazione dei preposti nella scuola, a partire da un documento redatto dall’A.I.S.A.M. (Associazione Istituzioni Scolastiche Autonome Mantovane) e ricordando che il preposto, secondo il D.Lgs. 81/08, è la persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa.

Dopo essersi soffermato ampiamente sugli obblighi del preposto, sulla formazione e l’aggiornamento che deve ricevere dal Datore di lavoro e le varie sanzioni a cui è soggetto, il documento riporta un commento giurisprudenziale con riferimento ad alcune sentenze della Corte di Cassazione.

Si indica che è “(…) opinione diffusa che il preposto non sia destinatario di una delega, con la quale in genere vengono trasferiti degli obblighi”, infatti è “(…) già destinatario per ‘iure proprio’ (dettato della legge) di alcuni obblighi che gli derivano dall’Articolo 19 dello stesso Testo Unico, dal quale si desume che questi è una persona che, a diretto contatto con i lavoratori, è deputata a sorvegliare e controllare l’operato degli altri lavoratori, a verificare che gli stessi osservino gli obblighi di legge e le disposizioni aziendali in materia di sicurezza sul lavoro, a verificare che utilizzino i dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione, nonché a svolgere tutti quegli altri compiti esplicitamente indicati nell’Articolo 19 medesimo. Il preposto è quindi un responsabile di terzo livello nell’ambito della organizzazione dell’azienda ed è (in genere) una persona diversa dal Dirigente e dal Datore di lavoro tanto che al punto f) del citato Art. 19 fra i suoi obblighi è indicato che deve segnalare tempestivamente al Datore di lavoro o al Dirigente sia le deficienze dei mezzi e delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale, sia ogni altra condizione di pericolo che si verifichi durante il lavoro, delle quali venga a conoscenza sulla base della formazione ricevuta”.

Passiamo ora ai vari ambienti lavorativi e alle tipologie di preposti che possono essere individuati.
Riguardo all’ ambiente “ufficio” è possibile individuare un capoufficio, segretario che eserciti il ruolo di preposto sui sottoposti e utenti che frequentano gli uffici e i cui compiti possono essere:

  • addestrare i dipendenti all'uso di attrezzature e/o macchine da ufficio complesse;
  • sviluppare nei sottoposti comportamenti di autotutela della salute;
  • promuovere la conoscenza dei rischi e delle norme di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • informare i sottoposti sugli obblighi che la legge prescrive per la salute e sicurezza dei luoghi di lavoro;
  • segnalare (al Datore di lavoro) eventuali anomalie;
  • curare l'ordinaria manutenzione e la riparazione di macchine, apparecchiature ed attrezzature in dotazione all’ufficio.

Veniamo ad un altro ambiente: il laboratorio. In questo caso possono essere individuati due tipologie di preposto:

  1. insegnanti tecnico pratici e docenti teorici di discipline tecniche o tecnico scientifiche in laboratorio: il ruolo di preposto è esercitato sugli studenti che frequentano i laboratori;
  2. tecnico di laboratorio: il ruolo di preposto è esercitato su altro personale docente e non docente che frequenta il laboratorio.

Nel primo caso i compiti degli insegnanti possono essere:

  • addestrare gli allievi all'uso di attrezzature, macchine e tecniche di lavorazione;
  • sviluppare negli allievi comportamenti di autotutela della salute;
  • promuovere la conoscenza dei rischi e delle norme di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro, ai quali i laboratori sono assimilabili;
  • informare gli studenti sugli obblighi che la legge prescrive per la sicurezza nei laboratori;
  • segnalare (al Datore di lavoro) eventuali anomalie all'interno dei laboratori;
  • effettuare la conduzione, l'ordinaria manutenzione e la riparazione di macchine, apparecchiature ed attrezzature in dotazione dei laboratori (collaboratori tecnici).

E se l’ambiente è un cantiere, come preposti potremo avere insegnanti e docenti teorici di discipline tecniche per:

  • informare gli allievi sulla tipologia di attrezzature, macchine e tecniche di lavorazione;
  • sviluppare negli allievi comportamenti di autotutela della salute;
  • promuovere la conoscenza dei rischi e delle norme di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro (specifica normativa cantieri);
  • informare gli studenti sugli obblighi che la legge prescrive per i luoghi esterni alla scuola;
  • informare il R-SPP della visita (per la Valutazione dei Rischi e tipi di DPI);
  • segnalare (al Datore di lavoro) eventuali anomalie.

Il documento conclude infine con una rassegna di indicazioni per la sicurezza in relazione alle palestre, ai cantieri e ai laboratori di chimica, di fisica, di lingue e multimediali.

Terminiamo riportando, a livello esemplificativo, un esempio di regolamento per un laboratorio di chimica (o biologia):

  • il laboratorio deve essere tenuto sempre pulito e in ordine;
  • dopo le esercitazioni riporre le apparecchiature e la vetreria negli armadi e successivamente chiudere a chiave;
  • danni alle apparecchiature e asportazione di materiale devono essere segnalati al Ddl;
  • la cura del materiale di laboratorio è affidata anche all’attenzione degli allievi;
  • tutti i prodotti chimici sono potenzialmente pericolosi, gli apparecchi devono essere utilizzati seguendo le indicazioni degli insegnanti e, per l’incolumità personale e di chi ti sta accanto è necessario rispettare le regole di comportamento elencate;
  • i docenti e gli alunni devono entrare in laboratorio con indumenti e attrezzature idonee alla protezione della persona;
  • per eseguire un esperimento leggere attentamente e completamente la descrizione, accertarsi di avere a disposizione tutto il materiale, seguire tutte le istruzioni indicate e non eseguire esperimenti non autorizzati;
  • evitare il contatto diretto con sostanze e preparati.

Sempre in relazione a questa tipologia di laboratori sono riportate anche specifiche regole relative alle verifiche periodiche della cappa.

EcoSafe Archivio News

                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

P.IVA/C.F.
08929640012
CAPITALE SOCIALE
€ 10.000,00 i.v.
R.E.A.
TO - 1011614 PRESSO LA C.C.I.A.A. DI TORINO
REGISTRO IMPRESE DI TORINO N.
08929640012
PEC
info@pec.ecosafegroup.it

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.

Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy