spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

Il radon è un gas naturale inerte che può essere ritenuto un "killer silenzioso”: è infatti un cancerogeno certo per l’uomo, ma raramente se ne parla e difficilmente si è consapevoli del rischio. Riportiamo alcuni consigli da tenere in considerazione durante la valutazione dei rischi e la progettazione delle modalità di prevenzione.

L’obbligo di valutarne l’esposizione scatta quando i lavoratori permangono in ambienti sotterranei o seminterrati (con almeno tre pareti confinanti con il terreno) per almeno 10 ore al mese. Il valore che non può essere superato é 500 Bq/m3 (Il Becquerel per metro cubo – Bq/m3 – è la grandezza di riferimento utilizzata per valutare l’attività del radon, e rappresenta il numero di decadimenti nucleari che hanno luogo ogni secondo in un metro cubo d’aria.), mentre la normativa di riferimento è il D.Lgs. 26/05/2000 n. 241.

Il medico competente, ove presente un’attività lavorativa in locali sotterranei o seminterrati, deve quindi provvedere nel fornire le giuste informazioni al Datore di lavoro e ai lavoratori annotando, a tutela medico-legale degli stessi, in cartella sanitaria e di rischio l’attività svolta in tali locali qualora il Datore di lavoro non dia seguito alla valutazione, nonostante le indicazioni fornite dal medico nell’ambito della collaborazione alla valutazione dei rischi.

Cenni alle modalità di eliminazione/riduzione del rischio
Una volta accertata la presenza di Radon, è possibile diminuirne la pericolosità con una serie di azioni di rimedio:

  • depressurizzazione del terreno
  • aerazione degli ambienti
  • aspirazione dell’aria interna specialmente in cantina
  • pressurizzazione dell’edificio
  • ventilazione forzata del vespaio (es. realizzato con l’uso di elementi tipo ‘Iglù’)
  • impermeabilizzazione del pavimento
  • sigillatura di crepe e fessure di muri e pavimenti contro terra
  • isolamento di porte comunicanti con le cantine

I costi di bonifica, in base alla concentrazione di gas e alla struttura dell’edificio, possono variare indicativamente da poche centinaia di Euro a qualche migliaio di Euro.

Il metodo più efficace ed immediato (anche se provvisorio, ma proprio per questo adatto alle lavorazioni di cantiere) per liberarsi del gas è aerare correttamente i locali: i fori (finestre, porte) devono essere aperti almeno tre volte al giorno per min. 10 minuti, iniziando dai locali posti ai livelli più bassi; la chiusura, invece, deve iniziare dai piani più alti, per limitare l’effetto-camino.

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy