spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

Rischio incendio: ambienti, attività e attrezzature da conoscere.

Abbiamo recentemente sottolineato che per una idonea prevenzione incendi nei luoghi di lavoro è necessario conoscere attentamente gli ambienti e le prassi più a rischio, e analizzare i pericoli più comuni che possono portare all'insorgenza di un incendio e alla sua propagazione.

Per approfondire la conoscenza di alcuni di questi pericoli, torniamo a sfogliare il documento "Sicurezza antincendio & datori di lavoro - Linee guida per la valutazione dei rischi" correlato ad un progetto realizzato dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, in collaborazione con il FEI (Fondo Europeo per l'Integrazione dei Paesi Terzi).

Il documento si sofferma, tra le altre cose, sui depositi e sull'utilizzo di materiali infiammabili e facilmente combustibili. Si indica che "(...) dove è possibile, occorre che il quantitativo dei materiali infiammabili o facilmente combustibili o che possono dare luogo alla formazione di atmosfere esplosive sia limitato a quello strettamente necessario per la normale conduzione dell'attività e tenuto lontano dalle vie di esodo". E chiaramente, laddove possibile, le sostanze infiammabili devono essere sostituite con altre meno pericolose.

Altre indicazioni relative ai depositi e alla manipolazione di materiali infiammabili e facilmente combustibili:
- il deposito di materiali infiammabili deve essere realizzato in luogo isolato o in locale separato tramite strutture dotate di adeguate caratteristiche di resistenza al fuoco
- i lavoratori che manipolano sostanze infiammabili o chimiche pericolose devono essere adeguatamente informati, formati e addestrati sulle misure di sicurezza da osservare
- i lavoratori devono essere anche a conoscenza delle proprietà delle sostanze e delle circostanze che possono incrementare il rischio di incendio

Si ricorda poi che i materiali di pulizia, se combustibili, "(...) devono essere tenuti in idonei armadi o in appositi ripostigli. Al termine delle pulizie il materiale deve essere allontanato all'esterno dei luoghi di lavoro negli appositi spazi e contenitori all'uopo destinati".

Serve poi massima attenzione nell'utilizzo di fonti di calore. Alcune utili indicazioni:
- i generatori di calore devono essere utilizzati in conformità alle istruzioni dei costruttori
- i luoghi dove si effettuano lavori di saldatura o di taglio alla fiamma o con presenza di fiamme libere, devono essere tenuti liberi da materiali combustibili ed è necessario tenere sotto controllo le eventuali scintille. Detti lavori devono essere eseguiti all'interno di aree idoneamente aerate; è necessario, inoltre, valutare il rischio interferenziale con altre lavorazioni (per esempio verniciatura, manipolazione di sostanze infiammabili)
- i condotti di aspirazione di cucine, forni, seghe, molatrici, devono essere tenuti puliti per evitare l'accumulo di grassi o polveri
- ove prevista, la valvola di intercettazione dì emergenza del combustibile deve essere collocata in posizione facilmente accessibile e segnalata e oggetto di manutenzione e controlli regolari

Diversi incendi avvengono poi per l'utilizzo di apparecchi individuali o portatili di riscaldamento. In questo caso, le cause più comuni di incendio sono dovute generalmente alla inosservanza delle misure precauzionali, quali ad esempio:
a) il mancato rispetto delle istruzioni di sicurezza quando si utilizzano o si sostituiscono i recipienti di g.p.l.
b) il deposito di materiali combustibili sopra gli apparecchi di riscaldamento
c) il posizionamento degli apparecchi portatili di riscaldamento vicino a materiali combustibili
d) le negligenze nelle operazioni di rifornimento degli apparecchi alimentati a kerosene

Vi sono poi problematiche da prendere in considerazione in relazione alla presenza di lavori di manutenzione e ristrutturazione. Ad esempio, bisogna considerare i problemi correlati a:
a) accumulo di materiali combustibili
b) ostruzione delle vie di esodo
c) bloccaggio in apertura delle porte resistenti al fuoco
d) realizzazione di aperture su solai o murature resistenti al fuoco

Il documento indica che:
- all'inizio della giornata lavorativa occorre assicurarsi che l'esodo delle persone dal luogo di lavoro sia garantito
- alla fine della giornata lavorativa deve essere effettuato un controllo per assicurarsi che le misure antincendio siano state poste in essere e che le attrezzature di lavoro, sostanze infiammabili e combustibili, siano messe al sicuro e che non sussistano condizioni per l'innesco di un incendio
Inoltre:
- ogni area dove è stato effettuato un lavoro a caldo deve essere ispezionata dopo l'ultimazione dei lavori, per assicurarsi che non ci siano materiali accesi o braci, anche successivamente all'ultimazione dei lavori (es: posa di guaina bituminosa)
- nei luoghi di lavoro dotati di impianti automatici di rivelazione incendi, occorre prendere idonee precauzioni per evitare falsi allarmi durante i lavori di manutenzione e ristrutturazione. Al termine dei lavori il sistema di rivelazione ed allarme deve essere provato
- particolari precauzioni vanno adottate nei lavori di manutenzione e risistemazione su impianti elettrici e di adduzione del gas combustibile.

Alcuni pericoli di incendio dipendono anche dai rifiuti e scarti di lavorazioni combustibili. Il documento segnala che i rifiuti non devono essere depositati, neanche temporaneamente, lungo le vie di esodo (corridoi, scale, disimpegni) o dove possano entrare in contatto con sorgenti di ignizione.

E l'accumulo di scarti di lavorazione "(...) deve essere evitato e ogni scarto o rifiuto deve essere rimosso giornalmente e depositato in un'area idonea preferibilmente fuori dell'edificio".

Concludiamo questa rassegna con qualche indicazione relativa alle aree non frequentate. Il documento sottolinea che "(...) le aree del luogo di lavoro che normalmente non sono frequentate da personale (cantinati, locali deposito) ed ogni area dove un incendio potrebbe svilupparsi senza poter essere individuato rapidamente, devono essere tenute libere da materiali combustibili non essenziali e devono essere adottate precauzioni per proteggere tali aree contro l'accesso di persone non autorizzate".

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy