spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

Proponiamo oggi un recente chiarimento, pubblicato in forma di Circolare n. 3 del 13 febbraio 2015 dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali - Direzione Generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro e delle Relazioni Industriali, sulle diverse criticità relative all'uso dei sistemi di ancoraggio per la prevenzione delle cadute dall'alto.

Criticità che derivano già da una non univoca definizione di "ancoraggio" e dalle caratteristiche di permanenza o non permanenza dei "dispositivi di ancoraggio" sulle coperture degli edifici. La definizione e divisione in varie tipologie dei dispositivi può avere inoltre conseguenze dirette non solo sui corretti riferimenti normativi, ma anche sull'individuazione dei responsabili della loro manutenzione.

Nella Circolare, che ha per oggetto "Dispositivi di ancoraggio per la protezione contro le cadute dall'alto. Chiarimenti", si indica innanzitutto che il documento è la risposta a numerose richieste di chiarimenti pervenute ai Ministeri in relazione all'utilizzo, durante l'esecuzione dei lavori in quota, dei dispositivi di ancoraggio a cui vengono collegati i sistemi per la protezione contro le cadute dall'alto.

E si precisa, preliminarmente, che, in funzione della loro installazione, esistono due tipologie di dispositivi di ancoraggio:

  • quelli che seguono il lavoratore, installati non permanentemente nelle opere di costruzione e che sono quindi caratterizzati dall'essere amovibili e trasportabili (cosiddetti DPI - Dispositivi di Protezione Individuale)
  • quelli installati permanentemente nelle opere stesse, e che pertanto sono caratterizzati dall'essere fissi e non trasportabili. È opportuno precisare che, ad avviso delle scriventi Amministrazioni, rientrano in tale fattispecie tutti i dispositivi o sistemi che non seguono il lavoratore alla fine dei lavoro, ma restano fissati alla struttura, ancorché taluni componenti del dispositivo o sistema siano rimovibili, perché, ad esempio, avvitati ad un supporto

pericolopic

Per meglio presentare le due tipologie di dispositivi di ancoraggio, il documento riporta anche altre informazioni.

Dispositivi di ancoraggio installati non permanentemente nelle opere di costruzione
Si ricorda che l'articolo 74, comma 1, del D.Lgs. n. 81/2008 e smi intende per DPI qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza e la salute durante il lavoro. Inoltre l'articolo 76, comma 1, del medesimo decreto stabilisce che i DPi devono essere conformi alle norme di cui al D.Lgs. n. 475/1992 ed infine l'articolo 1, comma 2 del D.Lgs. n. 475/1992 prescrive che si intendono per DPI i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che l'indossi o comunque li porti con se da rischi per la salute e la sicurezza. Da questo excursus normativo consegue dunque che i dispositivi di ancoraggio installati non permanentemente nelle opere di costruzione ed aventi la funzione di salvaguardare il lavoratore da rischi per la salute e la sicurezza sono considerati DPI. E dunque tali dispositivi di ancoraggio presentano almeno le seguenti caratteristiche:
- sono portati in loco e messi in opera dal lavoratore
- sono rimossi al termine del lavoro dal lavoratore stesso.

Dispositivi di ancoraggio installati permanentemente nelle opere di costruzione
Secondo i riferimenti normativi già riportati, risulta evidente che i dispositivi di ancoraggio installati permanentemente nelle opere di costruzione, quindi fissi e non trasportabili, non rientrano nel campo di applicazione del D.Lgs. n. 475/92 e s.m.i., e pertanto, non devono riportare la marcatura CE come DPI.

E dunque – conclude il chiarimento ministeriale - si ritiene che i dispositivi di ancoraggio destinati ad essere installati permanentemente in opere di costruzione siano da considerare prodotti da costruzione e come tali rientrino nel campo di applicazione del Regolamento (UE) n. 305/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 marzo 2011 che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione e che abroga la direttiva 89/106/CEE del Consiglio.

EcoSafe fornisce assistenza e consulenza a 360 gradi sulla scelta, progettazione e installazione di linee vita:

1. Progettazione preventiva
2. Posa in opera
3. Certificazione del sistema contenente

Omologazione del sistema anticaduta con dettaglio dei componenti (a firma del fabbricante)
Verifica per calcolo o prove elastometriche delle capacità contenitiche del fissaggio tra sistema anticaduta e struttura del fabbricato
Planimetria generale del campo di operativita del sistema con indicati: accessi, archi di rotazione per DPI, pendoli, Tirante d'aria libero, eventuale schema grafico di valutazioni interferenziali
Scheda operativa di accesso e soccorso
Procedura operativa da proporre all'RSPP del fabbricato
Certificato generale di corretto montaggio (a firma del montatore)
Certificato generale di conformità del sistema a firma del professionista
stesso
4. Revisione annuale obbligatoria del Sistema

Per qualsiasi ulteriore informazione o chiarimento, contattateci allo 011 9541201 oppure scrivete a commerciale@ecosafe.it

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy