spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

L’Atto Normativo che tratta degli Ambienti Confinati è il D.P.R. 177/2011, che contiene le norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinati.

Gli ambienti confinati sono luoghi che permettono ad una persona di entrarvi per eseguire dei lavori, ma in cui non sono previsti dei lavori al suo interno. Hanno inoltre aperture di accesso e di uscita di piccola dimensione e in ogni caso disagevoli per chi vi debba transitare. In questi ambienti diventano problematiche anche la presenza di atmosfere pericolose o la carenza di ossigeno.

Nel D.Lgs. 81/08 si precisa il divieto di accesso ai lavoratori in una serie di ambienti che presentano caratteristiche di spazi confinati. L’accertamento dell’assenza di pericolo per la vita e per l’integrità fisica dei lavoratori medesimi o, al contrario, il risanamento dell’atmosfera mediante ventilazione o altri mezzi idonei, sono condizioni per l’accesso a questi ambienti. Nel migliore dei casi le operazioni possono avvenire operando all’esterno dell’ambiente confinato.

Anche solo con il dubbio che un luogo possa essere uno spazio confinato è necessario mettere in atto tutte le misure di prevenzione necessarie, quali ad esempio l’utilizzo delle imbragature con corda di recupero, vigilanti per tutta la durata del lavoro, apparecchi di protezione e quant’altro.

Un aspetto importante relativo agli spazi confinati sono le aperture che devono essere tali da consentire il recupero dell’operatore privo di sensi al suo interno; altro aspetto fondamentale che deve essere verificato, all’interno dello stesso, è l’assenza di gas e vapori nocivi e/o una temperatura dannosa.

Gli operatori che svolgono attività in questi luoghi devono essere assistiti da un altro lavoratore, situato all’esterno presso l’apertura di accesso, e in sicurezza, pronto per l’emergenza.

I lavoratori che possono accedere agli spazi confinati sono quelli informati, formati, addestratati ed opportunatamente qualificati, la cui richiede un’esperienza almeno triennale nello svolgimento di questi interventi, in percentuale non inferiore al 30% della forza lavoro e con preposto, che sorveglia tale attività, necessariamente in possesso di tali requisiti.

Di seguito riportiamo alcuni pericoli intrinseci alle attività che vengono svolte in ambienti confinati:

  • Rischio Atmosfera Esplosiva: legato alla quantità di Ossigeno contenuto nell’aria, alla presenza di gas e vapori infiammabili o esplosivi e dalla presenza di polveri combustibili;
  • Rischio Chimico: legato alla presenza di sostanze tossiche con concentrazione superiore ai valori limite di esposizione;
  • Rischio Biologico: presenza di microrganismi pericolosi che possono incidere negativamente sulla salute degli operatori;
  • Rischio Incendio: si può verificare quando si raggiunge l’equilibrio nel campo di infiammabilità tra combustibile e comburente; questa condizione si mantiene più facilmente nei locali confinati che all’aria aperta;
  • Rischi Fisici: tra questi per esempio si può generare Rumore in funzione delle attività che vengono svolte all’interno degli ambienti confinati e all’esposizione degli operatori, o alla natura dei materiali che compongono le pareti. È necessario considerare anche lo Scivolamento, l’Inciampo, lo Schiacciamento e le Cadute che possono essere generate dalle superfici sfavorevoli;
  • Rischi Meccanici: intrinseci all’utilizzo di macchine e attrezzature dalle quali possono generarsi altri rischi come: Trascinamento, Intrappolamento, Impigliamento, ecc…;
  • Rischio Ergonomico: derivante dall’assunzione di posture scorrette a causa degli spazi ridotti o dai processi;
  • Rischio Microclima: causato dallo stress termico a cui sono esposti gli operatori che lavorano all’interno degli spazi confinati, i fattori che incidono maggiormente sono l’elevata temperatura e umidità;
  • Rischio Elettrico: in particolare l’elettrocuzione che può derivare dall’utilizzo di macchine e attrezzature che operano in atmosfera critica e in luoghi ristretti.

EcoSafe, nell’ambito dei propri servizi, propone anche quello relativo a censimento e valutazione degli spazi confinati, nonché la fornitura di attrezzature per il lavoro in Sicurezza e per il recupero del personale all’interno degli spazi confinati stessi. Per ogni approfondimento contattateci all'indirizzo: commerciale@ecosafe.it

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy