spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

Pubblicata sul portale internet del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare la Circolare del 17 giugno 2015 n.12422 che rende noti gli ulteriori criteri e chiarimenti circa le modalità di applicazione uniforme, su tutto il territorio nazionale, della normativa in materia di Autorizzazione Integrata Ambientale e di prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento (IPPC-Integrated Pollution Prevention and Control), alla luce delle recenti modifiche introdotte dal Decreto Legislativo 4 marzo 2014 n.46.

Attuazione della direttiva 2010/75/UE relativa alle emissioni industriali (prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento), (GU Serie Generale n.72 del 27-3-2014 - Suppl. Ordinario n. 27) 

Entrata in vigore del provvedimento: 11/04/2014

Il decreto legislativo n. 46 del 2014 è volto a recepire la Direttiva 2010/75/UE relativa alle emissioni industriali (IED)con la quale sono state riviste e rifuse in un unico testo giuridico sette direttive riguardanti le emissioni industriali:

- la direttiva 2008/01/CE in materia di prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento (IPPC), alla quale sono state apportate modifiche concernenti, tra l’altro, l’ambito di applicazione, i documenti di riferimento, i requisiti di controllo;

- la direttiva 2001/80/CE sulla limitazione delle emissioni in atmosfera di taluni inquinanti originati dai grandi impianti di combustione;

- la direttiva 2000/76/CE sull’incenerimento dei rifiuti e la direttiva 1999/13/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili (COV);

- le direttive 78/176/CEE. 82/883/CEE e 92/112/CEE, relative all’industria del biossido di titanio.

Tale norma alla luce dei chiarimenti forniti dalla D.G. ambiente della Commissione europea fornisce utili criteri per l’uniforme applicazione sul territorio nazionale della disciplina in materia di prevenzione e riduzione integrale dell’inquinamento (IPPC).

Questi i punti in cui si articola la circolare

1. Chiarimenti sulle disposizioni di cui all’articolo 29, comma 2, del D.Lgs. 46/2014;

2. Individuazione delle migliori tecniche disponibili pertinenti all’attività di trattamento a gestione indipendente delle acque reflue;

3. Esclusioni previste per i depuratori di acque reflue urbane;

4. Chiarimenti relativi alle soglie produttive che determinano l’assoggettabilità ad AIA per l’industria alimentare;

5. Ulteriori chiarimenti relativi alla attività di autodemolizione;

6. Produzione di prodotti chimici;

7. Trattamento di scorie e ceneri;

8. Effetti del DM 15 gennaio 2014 sulle AIA vigenti

9. Conduzione dei procedimenti in assenza di BREF comunitari;

10. Aggiornamento delle AIA dei cementifici che effettuano coincenerimento;

11. Chiarimenti in merito al trattamento fisico-chimico dei rifiuti;

12. Ulteriori indirizzi sulla presenza della relazione di riferimento;

 

Il provvedimento reca, fra le altre, disposizioni sanzionatorie.

Per ulteriori approfondimenti, Vi invitiamo a prendere visione della Circolare del Ministero dell'Interno al riguardo.

EcoSafe, nell’ambito della normativa in materia Ambientale, offre servizi di assistenza tecnica, consulenza ed analisi. Contatta i nostri Uffici per avere maggiori informazioni.

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy