spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

La sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro sono certamente fra gli indicatori principali del grado di civiltà di un Paese e la “formazione può costituire, se ben progettata e realizzata, uno strumento di notevole efficacia sia per creare la necessaria consapevolezza in merito all’importanza di questo tema, sia per accrescere conoscenze e competenze di tutte le figure a vario titolo coinvolte nella gestione dei processi che promuovono la sicurezza”.

Con questa premessa è stata emanata il 2 novembre 2015 la determina dirigenziale n. 712 della Direzione Sanità della regione Piemonte, Settore Prevenzione e veterinaria che approva le “Procedure per l’accertamento degli adempimenti relativi alla formazione alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al D. Lgs. 81/08 e s.m.i..

Le procedure sono state redatte dal gruppo di lavoro “Vigilanza sulla formazione alla sicurezza” costituito con determina dirigenziale n. 180 del 17 marzo 2014 della Direzione Sanità della regione Piemonte, Settore Prevenzione e veterinaria.

Si tratta di un prezioso documento che si pone, da un lato, l’obiettivo di ottimizzare l’attività di vigilanza e controllo, da parte dei Servizi di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro della ASL piemontesi, sull’attività formativa in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, dall’altro, di creare uniformità nelle procedure operative di tali Servizi su tutto il territorio regionale. Il documento rappresenta inoltre uno strumento di supporto per facilitare, in materia di formazione, la corretta individuazione degli obblighi normativi e come tale utile per tutti i soggetti della prevenzione.

Le “Procedure per l’accertamento degli adempimenti relativi alla formazione alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al D. Lgs. 81/08 e s.m.i.” si legano peraltro alle “Indicazioni operative per la formazione alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro” che sono state approvate con la delibera di Giunta Regionale n. 22-5962 del 17/06/2013, che, come noto, ha introdotto, in regione Piemonte, l’obbligo di iscrizione, negli appositi elenchi, di tutti i soggetti formatori od erogatori di corsi in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro.

Il documento si compone di una parte descrittiva sugli accertamenti e di 3 allegati. In particolare gli allegati riguardano gli schemi riassuntivi dei parametri della formazione (allegato 1) indicati dai vari provvedimenti legislativi (D. Lgs n. 81/2008, accordi Stato-regioni, decreti ministeriali, ecc.), l’elenco possibile degli inadempimenti accertati e le conseguenti azioni da intraprendere (allegato 2), e la scheda di segnalazione di non conformità alla regione Piemonte (allegato 3).


Gli accertamenti che l’organo di vigilanza può attivare, a seguito di ragioni più varie quali, per esempio un esposto o un accertamento disposto dall’Autorità Giudiziaria o anche solo come attività di iniziativa del Servizio, possono essere condotti in due situazioni:

1. durante lo svolgimento del corso di formazione;
2. dopo la conclusione del corso di formazione.

Nel primo caso, l’organo di vigilanza, dopo aver verificato che il soggetto formatore/erogatore è inserito, per lo specifico corso soggetto al controllo, negli elenchi stilati dalla commissione regionale di cui alla delibera di Giunta Regionale n. 22-5962 del 17/06/2013, procede ad un sopralluogo nella sede durante lo svolgimento del corso per verificare, tra l’altro:

  • tipo di corso e obiettivo formativo;
  • presenze dei discenti e corretta compilazione del registro di presenza;
  • n° di discenti presenti in aula in relazione alla capienza massima stabilità dai vari provvedimenti in materia;
  • qualificazione dei docenti formatori

Qualora nella fase di verifica preliminare il soggetto formatore/erogatore non fosse tra quelli presenti negli elenchi prima citati, l’organo di vigilanza effettuerà anche una verifica sul possesso dei requisiti formali previsti dai soggetti formatori dalla normativa vigente.

In caso di accertamenti eseguiti dopo la conclusione del corso di formazione, per esempio generati dall’esame di un attestato, l’organo di vigilanza, dopo aver effettuato, come prima indicato, la verifica preliminare sulla presenza o meno del soggetto formatore/erogatore negli elenchi regionali, procede ad effettuare ulteriori controlli richiedendo al soggetto formatore/erogatore tutta la documentazione ritenuta utile per stabilire la validità dell’evento formativo.

L’attività di vigilanza come sopra descritta può portare all’accertamento di irregolarità sull’erogazione del corso. In questo caso il personale ispettivo emanerà gli atti conseguenti ed in particolare:

  • segnalazione al settore regionale Prevenzione e veterinaria, qualora il corso si sia svolto tutto o in parte sul territorio piemontese, degli elementi di non conformità rilevati con conseguente inoltro di tale segnalazione alla Commissione regionale per la verifica dei soggetti formatori ovvero alla direzione regionale competente in materia di formazione professionale;
  • segnalazione degli elementi di non conformità all’ASL piemontese territorialmente competente con riferimento al luogo di erogazione del corso e/o di emissione degli attestati;
  • invio, al soggetto formatore/erogatore di un provvedimento volto a far cessare il comportamento antigiuridico e/o laddove risulti ancora possibile, a ripristinare la condizione di regolarità

Va da sé che, qualora gli accertamenti condotti, evidenziassero che il partecipante al corso, in possesso di attestato non valido, risulti operante nel ruolo pur sprovvisto dei necessari requisiti previsti per legge, l’organo di vigilanza assumerà i provvedimenti conseguenti.

Nell’allegato 2 delle “Procedure per l’accertamento degli adempimenti relativi alla formazione alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al D. Lgs. 81/08 e s.m.i” sono elencate, in relazione alle inadempienze accertate le conseguenti azioni che l’organo di vigilanza dovrà intraprendere.

Va segnalato ancora che la regione Piemonte ha già realizzato uno specifico progetto formativo, nei confronti del personale ispettivo dei Servizi di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro delle ASL piemontesi, sulle procedure per l’accertamento degli adempimenti relativi alla formazione alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, personale che, come è noto, è quotidianamente impegnato nella vigilanza sull’applicazione degli obblighi previsti dal D. Lgs n. 81/2008.

Testo a cura del Dott. Michele MONTRANO – Tecnico della Prevenzione

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy