spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

Il Decreto Legislativo n. 8/2016, in vigore dal 6 Febbraio 2016, definisce la depenalizzazione di alcuni reati nell’ambito del diritto al lavoro e di legislazione sociale. L’obiettivo della riforma è quello di trasformare alcuni reati in illeciti amministrativi. Si ritiene infatti che rispetto a tali illeciti abbia più forza di prevenzione, generale e speciale, una sanzione certa in tempi rapidi che la minaccia di un processo penale.

I reati coinvolti nel provvedimento che prevedono una pena pecuniaria, vengono depenalizzati a reato di tipo amministrativo e quindi puniti con la sola sanzione economica o multa. Sono esclusi dalla depenalizzazione i reati del codice penale, così come quelli che associano alla pena pecuniaria forme aggravate.

Sono esclusi dal provvedimento, anche se facenti parte del sistema penale, i reati che pur prevedendo la sola pena della multa o dell’ammenda attengono alla normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; conservano quindi la loro natura di tipo penale e restano perseguito dall’attuale normativa vigente.

L’elenco dei reati oggetto del decreto legislativo e della successiva circolare operativa, è accluso nell’allegato alla circolare stessa, in una tabella che associa la fattispecie di reato alla pena prevista prima dell’entrata in vigore del reato e dopo questa data. Tra le ipotesi di reato in materia di lavoro e previdenza obbligatoria che vengono depenalizzate rientrano:

  • le omesse ritenute previdenziali e assistenziali da parte dei datori di lavoro a titolo di sostituti d’imposta, entro il limite di 10 mila euro;
  • l’abusivismo nel mercato del lavoro;
  • le violazioni del collocamento obbligatorio dei massaggiatori e fisioterapisti non vedenti;
  • le discriminazioni di genere;
  • la somministrazione di lavoro abusiva;
  • l’utilizzazione illecita;
  • l’appalto e il distacco illeciti;
  • le dichiarazioni false o gli atti fraudolenti volti ad ottenere prestazioni previdenziali;
  • l’illecita mediazione nell’assistenza ai lavoratori

Il legislatore, per maggiore chiarezza, stabilisce quindi due diversi regimi sanzionatori per distinguere i reati avvenuti prima dell’entrata in vigore del decreto (regime intertemporale) da quelli commessi successivamente a questa data (regime ordinario).

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

P.IVA/C.F.
08929640012
CAPITALE SOCIALE
€ 10.000,00 i.v.
R.E.A.
TO - 1011614 PRESSO LA C.C.I.A.A. DI TORINO
REGISTRO IMPRESE DI TORINO N.
08929640012
PEC
info@pec.ecosafegroup.it

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy