spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

Al fine di combattere i flussi illegali di rifiuti speciali sull’intero territorio nazionale, con Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009, il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha istituito il SISTRI, sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti. Il sistema ha l’obiettivo di tracciare su sistema informatico tutti i movimenti di rifiuti speciali tra i soggetti coinvolti nell’intero ciclo (produttori, trasportatori, recuperatori/smaltitori, intermediari).
Limitatamente alla Regione Campania, il suddetto sistema di tracciabilità è stato esteso anche ai movimenti di rifiuti urbani.

Attraverso l’utilizzo del SISTRI, obbligatorio per alcune categorie di soggetti, sarà possibile sostituire i sistemi di tracciabilità attualmente in uso (Formulari di Identificazione del Rifiuto e Registri di Carico e Scarico). I flussi di informazioni acquisiti tramite le annotazioni sul sistema informatico sono gestite dall’Arma dei Carabinieri.

La norma che regola il funzionamento del SISTRI e fornisce indicazioni sulle modalità di utilizzo ai soggetti obbligati è il Decreto Ministeriale 30 marzo 2016 n. 78 - Regolamento recante disposizioni relative al funzionamento e ottimizzazione del sistema di tracciabilità dei rifiuti in attuazione dell’articolo 188-bis, comma 4-bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152. In merito ai soggetti obbligati ad aderire al SISTRI, il DM 78/2016 ribadisce quanto disposto dall’articolo 188 ter del D. Lgs 152/06 e s.m.i.

I soggetti obbligati ad aderire al SISTRI sono:

- Gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi.
- Gli enti e le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a titolo professionale, compresi i vettori esteri che operano sul territorio nazionale
- Gli enti e le imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti urbani e speciali pericolosi, inclusi i nuovi produttori che trattano o producono rifiuti pericolosi.
- Gli enti e le imprese che trasportano i rifiuti pericolosi da esse essi prodotti, quando iscritte in categoria 5 o, se iscritte in categoria 2-bis, esclusivamente in qualità di produttori di rifiuti pericolosi.
- Nel caso di trasporto intermodale, i soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali pericolosi in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell'impresa navale o ferroviaria o dell'impresa che effettua il successivo trasporto.
- I comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani del territorio della regione Campania.

Oltre ai soggetti obbligati, altri soggetti, quali produttori, gestori, intermediari e commercianti dei rifiuti non pericolosi, possono aderire al SISTRI.
Il SISTRI non è, tuttavia, ancora entrato a regime. Tra continui rimandi della piena operatività del sistema e sospensioni delle sanzioni per la mancata iscrizione da parte dei soggetti obbligati, il recente Decreto Legge 30 dicembre 2016, n. 244 - Proroga e definizione di termini ha prorogato ulteriormente la sospensione delle sanzioni per l’omessa o l’erronea trascrizione delle informazioni sul SISTRI e ha prorogato il dimezzamento delle sanzioni previste per la mancata iscrizione al sistema o il mancato versamento del contributo previsto.

La sospensione nei due casi appena citati si applica fino alla data del subentro nella gestione del servizio da parte del concessionario individuato con le procedure di cui al comma 9 -bis , e comunque non oltre il 31 dicembre 2017.

Tale ultime proroga mantiene in vita gli obblighi di gestione della tracciabilità dei rifiuti tramite i sistemi tradizionali (registro di carico e scarico e formulari) e la conseguente comunicazione annuale obbligatoria (MUD) alle Camere di Commercio, ai sensi della Legge 25 gennaio 1994 n. 70.


 
 
 
 
 
 
 
 
Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy