spazio
ambiente-colorato

 

Icone per WEB1 Sicurezza 

Sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale del 4 Aprile 2017 due decreti legislativi in materia di tutela dell’ambiente esterno e dell’ambiente abitativo dall’inquinamento acustico.

I due provvedimenti, in vigore dal 19 Aprile 2017, hanno lo scopo di armonizzare la normativa nazionale con quella comunitaria.

In particolare, i decreti legislativi n.41 e 42 del 17 febbraio 2017 riguardano rispettivamente:

- le Disposizioni per l’armonizzazione della normativa nazionale in materia di inquinamento acustico con la direttiva 2000/14/CE e con il regolamento (CE) n. 765/2008, a norma dell’articolo 19, comma 2, lettere i), l) e m) della legge 30 ottobre 2014, n. 161, sulle macchine rumorose che operano all’aperto in particolare per quelle importate extra UE e
- le Disposizioni in materia di armonizzazione della normativa nazionale in materia di inquinamento acustico, a norma dell’articolo 19, comma 2, lettere a), b), c), d), e), f) e h) della legge 30 ottobre 2014, n. 161.

Il D.Lgs n. 41/2017 mira a prevenire possibili procedure di infrazione nei confronti dell’Italia recependo la Direttiva 2000/14/CE sulle macchine rumorose, operanti all’aperto, importate da Paesi extra Ue e sprovvisti di marcatura CE.

Infatti, il Decreto prevede che qualora il fabbricante di una attrezzatura (destinata ad operare all'aperto) non sia stabilito nell'UE e non sia individuato il mandatario "gli obblighi di cui al presente Decreto gravano su chiunque, persona fisica o giuridica, immette in commercio o mette in servizio le macchine e attrezzature nel territorio nazionale".

Il D.lgs n. 42/2017 oltre ad armonizzare la normativa nazionale con quella comunitaria, modifica e integra il Dlgs 194/2005 relativo alla gestione del rumore ambientale, nonché la Legge quadro sull’inquinamento acustico (Legge 447/1995) e disciplina la figura professionale di tecnico competente in materia di acustica.
In particolare, con il presente decreto sono definite le attività del tecnico competente in acustica e il percorso formativo che egli deve sostenere.

Il decreto introduce inoltre l’obbligo per i Comuni di redigere, entro il 30 giugno 2017 le mappature acustiche, secondo i criteri e le specifiche dettati dalla Direttiva Inspire (2007/2). Esso prevede inoltre, a decorrere dal 31 dicembre 2018, metodi comuni per la determinazione del rumore stabiliti ai sensi della Direttiva 2002/49/CE.

Il provvedimento modifica altresì le modalità e i termini di presentazione della relazione sullo stato acustico del Comune e prevede che la valutazione di impatto acustico di infrastrutture di trasporto (lineari, aeroportuali e marittime) deve considerare i casi di concorrenza tra le diverse infrastrutture interessate.
Per terminare, la nuova normativa prevede l’emanazione di nuovi regolamenti per le sorgenti di rumore attualmente non considerate dalla normativa vigente e l’aggiornamento della disciplina delle emissioni sonore prodotte nello svolgimento di attività sportive.

Icone per WEB3 Ambiente
Icone per WEB8 Sistemi gestione
Icone per WEB2 Formazione

EcoSafe Archivio News

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 
 
richiedi
                    logo trasparenza sfondo


PIEMONTE
Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy
Tel +39 011 9541201  Fax +39 011 0133199

LOMBARDIA
Via Giovanni XXIII, 2/A - 20866 Carnate, Monza Brianza - Italy
Tel +39 039 9630734  Fax +39 011 0133199

spacer
Azienda Accreditata
D.D. n° 284 del 29/05/2012

certificate
 
                                                AIAS ACADEMY
 
P.IVA 08929640012 - © 2010-2017 EcoSafe S.r.l.


Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, ti ivitiamo a leggere la nostra Privacy Policy Privacy Policy