Mercoledì, 20 Novembre 2019
News

Il piano formativo aziendale: formare per crescere

di redazione

Quanti lavoratori devono effettuare l’aggiornamento quest’anno? E il prossimo? E come organizzerò il piano di crescita di ciascuno di loro? Che benefici ne trarrà l’azienda? Potrò finanziare dei corsi con i Fondi Interprofessionali? Se queste sono solo alcune delle domande che ti attanagliano, stai leggendo l’articolo giusto.

Tutte le aziende, grandi o piccole che siano, devono fare i conti con la formazione dei lavoratori, fosse anche solo per rispettare quella di base prevista dalla legge. Ma in un mondo sempre più veloce e in continuo cambiamento, riuscire a mantenere fresca la vivacità intellettuale delle persone è uno degli investimenti più proficui che un’azienda possa fare. La conoscenza e l’esperienza fanno delle risorse umane il tesoro più prezioso per il successo di un’impresa e con esso per la sua redditività.

Quando parliamo di formazione in generale - ed in particolare in materia di sicurezza -  parliamo di integrare le proprie procedure di sicurezza con una serie di attività tecniche, umane e comportamentali. Questo significa investire in una corretta e costante attività di educazione rivolta a tutti i lavoratori e attuare un percorso di crescita, dell’individuo e dell’organizzazione.

Ma la creazione di un piano formativo è un percorso irto di ostacoli non privo di sorprese e sono molti gli elementi di cui bisogna tenere conto:

  • le esigenze reali di formazione
  • lo scadenziario
  • gli obiettivi che si vogliono raggiungere
  • l’applicabilità della formazione sul campo
  • le priorità
  • le tempistiche
  • le figure da coinvolgere
  • la soddisfazione dei discenti
  • la misurabilità dei risultati

Una volta stabiliti gli aspetti generali, è necessario entrare maggiormente nel dettaglio, scegliendo la metodologia più adatta alla formazione. Questa dovrà tenere conto, di nuovo, di una serie innumerevoli di fattori, in equilibrio tra le esigenze logistiche e la tipologia di lezione più incisiva, la scelta del docente e le caratteristiche del contesto aziendale.  

Perché un piano formativo sia efficace e proficuo, è necessario saper bilanciare tutti questi elementi, aggiungendo ad essi una pianificazione precisa e puntuale. Bisogna rispettare la tabella di marcia e attuare un monitoraggio regolare. 

Raccogliere i feedback delle attività svolte infine è importante tanto quanto creare una griglia di valutazione dei risultati, personali e aziendali, che comprendano sia le attività formative svolte, sia la loro applicabilità sul lavoro.

Qual è la percezione in tema di sicurezza nella tua azienda? E in tema di formazione? Soddisfa le aspettative? Quali sono i tuoi obiettivi a breve, medio e lungo periodo?

Saper rispondere a queste domande è il primo passo verso la composizione di un piano ben riuscito.


Leggi anche La Formazione EcoSafe, Formazione Finanziata, Formazione Aziendale

Leggi anche A.S.A.P. Un progetto EcoSafe per il restyling di un modello di formazione nelle emergenze

COPYRIGHT © 2019 EcoSafe Srl - Tutti i diritti rivervati - Credits

Strada del Casas, 6/2 - 10090 Rosta, Torino - Italy | P.IVA/C.F. 08929640012 - Capitale sociale € 10.000,00 i.v.
R.E.A. TO: 1011614 presso la C.C.I.A.A. di Torino Registro imprese di Torino N. 08929640012 - PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.